Crea sito

    Immagine correlata

    Cinque volte campione d'Italia con la Juventus nei due periodi in cui l'allenò (1994-1999, 2001-2004), fu commissario tecnico della Nazionale italiana dal 2004 al 2006 e dal 2008 al 2010, conducendola alla vittoria della Coppa del Mondo FIFA 2006, dopo la quale divenne il primo allenatore nella storia del calcio ad aver vinto le massime competizioni internazionali a livello di nazionali (campionato mondiale) e club (UEFA Champions League nella stagione 1995-96, Coppa Intercontinentale 1996 con la squadra bianconera), successivamente condividendo tale primato com l'ex CT della Nazionale spagnola ed ex allenatore del Real Madrid Vicente Del Bosque; nonché a raggiungere 31 partite consecutive senza subire sconfitte a cavallo tra le sue due esperienze come commissario tecnico della nazionale, superando quello che era stato il record di Vittorio Pozzo che raggiunse le 30 partite utili consecutive (Pozzo aveva raggiunto tale risultato allenando la nazionale ininterrottamente) ed eguagliando, nel 2008, il record mondiale appartenente ex aequo ad Alfio Basile e Javier Clemente. In ambito internazionale è l'allenatore, insieme a Miguel Muñoz, Alex Ferguson, Carlo Ancelotti, ad aver disputato il maggior numero di finali di Champions League , di cui tre consecutive, record condiviso con Fabio Capello.

    Riconosciuto migliore allenatore dall'Associazione Italiana Calciatori (1997, 1998, 2003), dall'UEFA (1997-98), allenatore e CT dell'anno dall'Istituto di Storia e Statistica del Calcio (1997, 1998, 2006); inserito dal quotidiano britannico Times nella lista dei cinquanta migliori allenatori della storia del calcio stilata nel 2007 e, sei anni dopo, dall'emittente televisiva statunitense ESPN nella classifica dei venti più grandi allenatori. Introdotto nella Hall of Fame del calcio italiano nel 2011.

    Risultati immagini per GUARDIOLA

    Considerato uno dei migliori centrocampisti della sua generazione, ha vinto sei campionati spagnoli, due Coppe di Spagna, quattro Supercoppe spagnole, una UEFA Champions League, una Supercoppa UEFA e una Coppa delle Coppe UEFA con il Barcellona, oltre ad un oro olimpico con la Nazionale olimpica spagnola.

    Diventato allenatore del Barcellona nel 2008, ha condotto la squadra alla vittoria di tre campionati, due coppe nazionali, tre Supercoppe spagnole, due Champions League (divenendo il sesto a farlo sia da calciatore che da allenatore), due Supercoppe UEFA e due Coppe del mondo per club FIFA; con quattordici trofei in quattro anni è l'allenatore più vincente della storia blaugrana. Dal 2013 fino al 2016 alla guida del Bayern Monaco, ha conquistato una Supercoppa europea, una Coppa del mondo per club (raggiungendo in entrambi i casi il primato personale di vittorie nella competizione), tre campionati tedeschi e due Coppe di Germania. Dal 2016 Guardiola guida la squadra inglese del Manchester City.

    Nel 2011 ha conquistato il FIFA World Coach of the Year tra gli allenatori di calcio maschile, dopo essere stato eletto per due volte Allenatore dell'anno IFFHS (2009 e 2011).

    Risultati immagini per ARRIGO SACCHI

    Sacchi propose un rivoluzionario 4-4-2 che si ispirava in parte al calcio totale della Nazionale olandese di Johan Cruijff, squadra che prediligeva una difesa in linea (in modo da far cadere gli avversari nella trappola del fuorigioco) e pressing a tutto campo con o senza palla. Il modulo offensivo proposto dall'allenatore di Fusignano consisteva in una difesa organizzata con il metodo di una diagonale a quattro, un centrocampo a rombo (dove uno dei mediani si trasformava in trequartista) e due punte centrali molto vicine fra loro.

    Nonostante sia conosciuto per il suo calcio offensivo, Sacchi dedicava grande attenzione ai movimenti difensivi, a tal punto che quasi sempre le sue squadre si contraddistinguevano per essere le meno battute a fine campionato: miglior difesa nei campionati 1987-88 (14 gol subiti) e 1990-91 (19 gol subiti) e seconda miglior difesa nel 1988-89 (25 gol subiti) e nel 1989-90 (27 gol subiti). Allenatore rigido e intransigente, si fece conoscere dal pubblico sportivo soprattutto per i suoi metodi di allenamento, considerati pesanti, severi e poco convenzionali rispetto agli approcci classici. Il fusignanese era solito intensificare gli allenamenti della squadra che dirigeva e si distingueva per un'attenzione maniacale nel preparare le partite e gli schemi di gioco. I suoi giocatori dovevano lavorare il doppio per essere pronti in campo a svolgere ruoli sia offensivi che difensivi. Per lui tutti i giocatori erano importanti, ma nessuno era rilevante.

    Risultati immagini per CARLO ANCELOTTI

    Ha iniziato la carriera di allenatore, dopo essere stato vice del CT Sacchi ai mondiali del 1994, nella Reggiana in Serie B. È passato poi al Parma, alla Juventus e al Milan (2001-2009). Negli anni con la squadra rossonera ha vinto uno scudetto, una Coppa Italia, una Supercoppa italiana, due Champions League, due Supercoppe europee e un Mondiale per club. Tra il 2009 e il 2011 è stato sulla panchina del Chelsea, firmando una doppietta Premier League-FA Cup. Nella stagione 2011-2012 è subentrato in corsa sulla panchina del PSG, vincendo la Ligue 1 al secondo tentativo nel 2013. Nell'estate del 2013 è stato ingaggiato dal Real Madrid. Alla sua prima stagione sulla panchina delle Merengues ha conquistato la Coppa del Re e la storica decima Coppa dei Campioni/Champions League. Alla sua prima stagione al Bayern Monaco vince la Bundesliga. È uno dei cinque allenatori (insieme a Tomislav Ivić, Ernst Happel, José Mourinho e Giovanni Trapattoni) ad aver vinto il massimo campionato di 4 paesi diversi (Premier League, Serie A, Bundesliga e Ligue 1).

    Nella sua carriera ha vinto la Champions League tre volte da allenatore (due volte con il Milan e una con il Real Madrid), raggiungendo un record unitamente a Bob Paisley, allenatore del Liverpool, e due volte da calciatore (sempre con il Milan). La conquista della coppa con la stessa squadra sia in campo che in panchina è riuscita anche a Miguel Muñoz, Josep Guardiola e Zinédine Zidane, mentre con squadre diverse è riuscita anche a Giovanni Trapattoni, Johan Cruijff e Frank Rijkaard.Considerato uno dei migliori allenatori al mondo e soprannominato Carlo Magno dalla stampa spagnola,nel 2014 entra a far parte della Hall of Fame del calcio italiano.

    Risultati immagini per rinus michels

    Diventò famoso per i numerosi successi conseguiti come allenatore (tra cui la Coppa dei Campioni con l'Ajax e il campionato spagnolo con il Barcellona) e per essere stato il CT della Nazionale olandese in quattro periodi distinti, durante i quali condusse la selezione oranje dapprima alla finale dei Campionati mondiali di Germania 1974 e poi al trionfo ai Campionati europei del 1988, disputati sempre nella Germania Occidentale.

    A Michels è attribuita l'invenzione, negli anni settanta, del calcio totale, un modo di intendere il calcio in maniera rivoluzionaria e che avrebbe esercitato una grande influenza nei decenni seguenti. Nel 1999 fu eletto Allenatore del secolo dalla FIFA.

    È stato inoltre il primo olandese della storia, prima di Ronald Koeman e Frank de Boer, ad aver vinto in patria il campionato sia da giocatore che da allenatore.

    © 2017 Your Company. All Rights Reserved. Designed By Leonardo Tufaro 4 a sia 2016/2017

    Please publish modules in offcanvas position.

    Free Joomla! template by L.THEME